Archivi tag: viaggio

angeli custodi

Francesca è in ferie x due settimane e questo mi permette di prendere il viaggio più con calma: suona la sveglia, mi posso girare e rigirare nel letto, fare con calma e partire quando voglio.
Col mio trio medusa all’andata – e, se non riesco a uscire presto, con la Pina al ritorno.
Con tappa colazione compresa, ovviamente.
Oggi non imprecavo dando dell’imbecille e del mentecatto ai miei superiori.
Sopravvissuta anche all’equipe.
E la mia teoria che se si affronta con positività il tutto, la positività stessa si diffonde, funziona davvero.
Non potevo lasciare che Manuela sprecasse la sua pausa pranzo nel tornare a piedi da My Glass, la sono andata a recuperare, apprezzando così anche lei la mia super macchina e abbiamo mangiato insieme.
Daniela (in versione angelo custode) ci ha aspettato e mi informava che le mie ferie sono state firmate!!! e anche il mio rimborso!!!
così non ho potuto non cedere parte del nostro tavolo alle altre due colleghe che non avevano prenotato.
Ci vorrebbe così poco…

Annunci

86 mails

Stamattina ero da sola, perché Francesca preferiva andare sola, dato che era incasinata, così dopo il suono della sveglia mi sono attardata sotto il piumone. Sono cmq scesa prima delle 7 e alle 7.34 ero operativa in macchina pronta x il Trio Medusa.
Si parlava del singhiozzo e io non ho potuto non scrivere un sms in cui è indicato il suggerimento di mio marito: “7 minuti senza respirare”. Tra i vari rimedi hanno parlato anche dell’apnea e c’era un riferimento a un marito che consigliava la stessa cosa, non so se parlassero proprio di me o se c’è qualcun altra…
Tappa colazione.
Timbrato alle 8.42; senza il “fuso orario” sarei anche stata puntuale…
Con la collega già decisa la suddivisione natalizia evvai!!! Scritta la richiesta, ora deve solo firmarla il direttore.
L’incontro con il consulente figo poi mi ha aperto discrete porte: intanto il responsabile del procedimento è il direttore e non l’assistente sociale. Poi ovviamente io riesco a fare la mia figura da Bridget Jones facendo saltare x terra il tappino della biro a click che il figo mi ha raccolto e mi ha porto…se, cambiando telefilm, io fossi stata in Ally Mc Beal si sarebbe vista l’immagine di lei che si scavava la fossa con una pala e sprofondava sommersa da tappini…
Giornata intensa e ho pranzato sola.
Chissà se Giovanni rientrerà mai al lavoro o si butterà a tempo pieno a fare il papà…
Giravano già le foto del piccolo e – sempre x incentivare le persone a dirmi che aspettano – io niente.
Non sono riuscita a dire “che bello” dato che non lo penso.
Cioè è veramente brutto, ma so che dei bambini non si può dire che non è politically correct e quindi me ne stavo zitta, fissando le foto. Da vera sfigata.
Che poi va beh a poche ore di vita credo sia impossibile essere belli: sei rosso, visto lo sforzo a uscire, c’è tutto un mondo nuovo da gestire, come fai a essere bello?
Sono riuscita, almeno, a spiegargli perché non riesco a passare in ospedale e pare che io abbia vinto una merenda in casa loro, visto che per farla a casa mia torno troppo tardi.
Anche oggi.

Sugar

concludo la settimana positivamente: le mie relazioni sono partite, ho programmi x il week end e la musica accompagna i miei viaggi in macchina.
Possibile che il mio Shazam non la conoscesse?!
La sento all’andata, al ritorno, anche cambiando
radio-deejay-logo1[1]
quando c’è la pubblicità

FIDENZA VILLAGE


Elena era stata carina a chiamarmi x chiedermi se ci fosse stato qualcosa che non andava.
Le avevo detto di no, ma ricordo esattamente cos’era: i suoi amici che quando c’è lei devono fare finta che gli dispiace che non esco spesso con loro e poi quando ci sono l’indifferenza totale.
E ricordava bene che le ho detto che alla domenica Massimno lavora e che si fa qualcosa io ci sono.
Così è saltata fuoi la proposta del Fidenza Village.
Non avrei dovuto comprare nulla.
Soprattutto da
DESIGUAL
e QUINDI pantaloni da Desigual.
Senza Massimo sono un po’ persa, ma mi sono fidata del mio STAFF e ho acquistato anche da
RL

9 anni

Massimo non aveva la possibilità di stare a casa dal lavoro al mercoledì – che sarebbe stato il giorno giusto – e così l’anniversario di matrimonio è stato festeggiato in due tempi:
il 9 lavando l’auto e sistemando la cantina (ma che festeggiamento è?!) e alla sera andando al
Sushi-Wok
ma poi il giorno dopo siamo andati al mare!!!
inizialmente sembrava ci fosse brutto tempo


poi là c’era bello
DSCF4370
non da fare il bagno…
anche se – si sa – c’è sempre qualche mattacchione che fa il bagno lo stesso, ma noi no.
Siamo stati alla Baia del Silenzio e il quella delle Favole
ovviamente mangiato il pesciolone
DSCF4375
e poi tornato un po’ il brutto…
DSCF4378
e anche al ritorno abbiam fatto la strada normale, scavallando le province.