Archivi tag: piove

37

e così ieri mi è toccato pure compiere gli anni.
Seguendo l’esempio dei miei colleghi cremonesi ho sapientemente preso le ferie.
In realtà ci sono scuole di pensiero che dicono che sia abitudine anche piacentina.
Beh x non sbagliare me ne sono stata a casa.
Figurati se trascorro il mio 37esimo compleanno a farmi dare dei nomi al lavoro, di venerdì poi. Posso tranquillamente rimandare tutti i nomi al lunedì successivo.
Avevo costruito un programmino ad hoc, seppur un po’ in solitaria, ma si vede che mi sento così.
Per non perdere le abitudini ho iniziato subito con alcune chiamate perse, in modo da chiarire che, anche se avessi fatto dei buoni propositi, sicuramente non c’è quello di sentire il telefono.

1) colazione con Nutella (quella a cui poi attaccherò l’adesivo con il mio nome) insieme a Massimo;

images[1]

2) Beautiful su La 5. Trasmettono le puntate dopo la 5500 (Phoebe era morta quest’estate) : c’era una Taylor bellissima, l’altro Rick, ancora + odioso di quello dell’inizio e di adesso e l’altro Thomas, meno figo se vogliamo, ma con il suo perché. Oltre alla fantastica Bridget. Massimo dice che l’attrice per forza ha fatto quel ruolo minchione (“ruolo minchione” lo dico io) in True Blood, visto come la trattano in Beautiful.

3) parrucchiera: colore e piega. Non sono andata da Erika top style, ma vicino a casa mia. Colpo di scena, mi ha fatto il nero che volevo io!!! visto che l’ultima sua collega diceva che mi sbatteva troppo.

4) pranzo leggero: tra gli obiettivi della giornata non c’era sicuramente quello di ingrassare . . .

5) grotta di sale:

IMG_6275[1]
direi decisamente sopravvalutata.
Ne avevo sentito parlare talmente tanto dalle mie colleghe che era già da un po’ che ci volevo andare. Peccato che ad agosto (quando avrei avuto tempo) si sono fatti 1 mese di ferie . . . e ora che ci rifletto su l’idea del blog deve giusto essermi nata in quel periodo.
ero da sola, mi aspettavo una cosa diversa, mi sembrava umido e non è che mi abbia poi giovato così tanto per la respirazione. Però interessante tutto il discorso che fanno anche i massaggi. Ci penserò.

6) spesa

7) aperitivo all’Aris

lampadario[1]

8) regalo valigia rossa

images[1]

Il tutto condito da una pioggia battente che non ha mollato x quasi tutto il giorno e soprattutto dai messaggi di auguri: chi non si dimentica mai, chi si dimentica sempre, chi non pensavo si sarebbe ricordato, chi pur ricordandosi sceglie il silenzio e chi si è ricordato il giorno dopo, ma che ho comunque ringraziato con gran piacere.

Annunci

Le sere d’estate in cui piove

Niente di originale, davvero.
Le sere d’estate in cui piove ti sfumano i programmi (molto più che in inverno; anche se conosco gente che in qualunque stagione disdice gli accordi presi per la serata con la motivazione: “perché piove” . . . mumble, mumble), avevi già pregustato di andare là x mangiare, vedere, fare e invece ciccia!
Ci si guarda in faccia sconsolati e si dice: “piove”.
Poi qualcosa si fa lo stesso, ma non è lo stesso.
Piove.